Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘mrt’ Category

Annunci

Read Full Post »

E’ un periodo durante il quale, per vari motivi, sono alla ricerca spasmodica di stimoli nuovi, di rinnovati entusiasmi.

A circa tre anni e mezzo dalla nascita di MilanoRomaTrani, ho riletto le prime mail che io ed enpi ci mandavamo, mentre il nostro piccolo progetto prendeva forma. Da quelle poche righe, tra un consiglio per aggiustare l’header e uno smadonnamento per aver erroneamente cancellato un post, traspirava un entusiasmo bello, vero, intenso, genuino. Ed è stata una incredibile sferzata di energia ritrovare quelle sensazioni, per uno che è stato costretto a star lontano da queste pagine per quasi due anni (magari un giorno racconterò anche qualche perchè).

Tante cose sono successe e molte di più ne verranno. Eppure l’entusiasmo dei primi giorni è un bene raro e mai andrebbe dimenticato.

Ma non è di MRT che volevo parlare stasera (chè per quello c’è sempre tempo!), anche se a me, forse per presunzione, la storia che voglio condividere stavolta, MRT me la ricorda almeno un po’.

E’ la storia di 20 centesimi.

Una storia d’entusiasmo, d’indipendenza e di provincia che vuole diventare grande (e piano piano può riuscirci)…
continua a leggere la storia di 20 centesimi

Read Full Post »

chi mi conosce (“saluto tutti quelli che mi conoscono”!) o segue MilanoRomaTrani, sa quanto io abbia apprezzato il primo album di Vasco Brondi-Le luci della centrale elettrica. album che ho conosciuto proprio qui, grazie a Luca-ilteatrodegliorrori (nick e nome del gruppo coincidono, ma non coincidono Luca e il gruppo). (altro…)

Read Full Post »

ovviamente qui si parlerà di un cantiere senza cemento.
molti hanno commentato e risposto a questo post.
la cui lettura integrale [specie i commenti] è necessaria, per la comprensione di quanto segue.

al momento il risultato potrebbe essere questo:
[grossomodo gli spunti che son venuti fuori dai commenti al post]

– redazioni territoriali + riviste. ogni territorio/rivista avrebbe uno o più responsabili, che potrebbero cooptare altri nel proprio gruppo.
ci si autogestisce, in sostanza.
un modo per dividersi i compiti e le competenze.
ogni redazione [terriorio o rivista] inserirebbe x post al mese, come limite massimo.
questa sarebbe l’unica regola. (altro…)

Read Full Post »

secondo me MilanoRomaTrani dovrebbe convergere verso qualcosa di nuovo. verso un nuovo blog, aggregatore, rivista. dovrebbe farlo insieme al Granderoe, alla Collanadellaregina, a Scrittoriprecari, Precariementi, al Collettivomensa, magari anche insieme a Colla, inutile, FoLLeLFo, Teflon ecc. – che pure sono riviste e hanno una linea editoriale “chiara” – a tanti blog “singoli”, come Yattaran, Tracce nella rete, o la Puttana assassina.
secondo me bisognerebbe aprire un wiki, tipo questo megarivista.wikidot.com
– o magari migliore di questo – e lì imbastire un progetto comune e condiviso. decidere se farlo e come farlo. immaginarsi un’architettura diversa, un oggetto diverso dal classico blog a scorrimento, un antifacebook, un luogo dove tutti possono esprimersi liberamente e dove è possibile leggere tutti i contenuti che mrt, il granderoe, la collanadellaregina, Scrittoriprecari ecc. inseriscono in Rete.
bisognerebbe proprio farlo…

Read Full Post »

mrt fuori da mrt

Un dialogo di qualche tempo fa, su Lettera.com, fra due mrtiani [MMo + enpi]:

[…] dove dovrebbe crearsi, il contagio? Ci tengono separati, in tante gabbie, vicine ma non abbastanza, ognuno col suo bel televisore, qualcuno con l’aria condizionata. Dove dovremmo incontrarci? Ci dànno quanto ci basta, in fondo. In provincia – nella mia provincia – con un euro posso stare seduto per un’oretta a prendere un caffè con vista mare. Ricchi e poveri condividono gli stessi posti. La differenza è che uno è arrivato in Porsche, e l’altro a piedi. Ma mentre bevono il loro mojito sono identici.
Allora la Rete potrebbe essere un’occasione. Un modo per conoscersi, prima, e poi incontrarsi, discutere, creare. Rifondare.

qui e qui.

Read Full Post »

Ha curato per i “Jackpot” di Las Vegas Edizioni l’antologia di giovani blogger Rien ne va plus, è tra gli organizzatori del torneo letterario più cool della rete Wimble.doc, cura insieme ad Alessandro Raveggi la nuova collana di narrativa Novevolt ed è appena uscita la sua raccolta di racconti La Minima importanza sempre per Las Vegas Edizioni.  Il nostro vulcanico Enrico Piscitelli ha parlato nella Guida Cultura Avantpop di qualità, nuove forme di letterarietà e del fare rete:

La nostra Società crea individualisti e individualismi. È il modo in cui ci impedisce di dissentire, grazie al quale ci tiene separati. Il modello della famiglia media oggi è: un televisore per ogni testa. Non sto qui a dire cosa significhi questa cosa, quali ripercussioni abbia avuto e abbia tuttora – velinismo, grandefratellismo, quarti d’ora di celebrità, il magnate delle Tivì che diventa il leader del primo partito italiano, l’impoverimento culturale e il tuttologismo pop. Il punto è che la Rete, internet, è il primo vero media democratico e condiviso, permette comunicazioni a ogni livello, ha infinite potenzialità. Solo, non bisogna usarla come si usa il televisore. Quando abbiamo immaginato un blog, io e Stefano Mastrolitti, l’abbiamo pensato collettivo: ci piaceva l’idea che chiunque, cooptato da noi e poi da altri, potesse scrivere su «MilanoRomaTrani», e potesse scriverci qualsiasi cosa, senza alcuna censura, o idea preconcetta. Ovvero: queste sono le chiavi, fanne ciò che vuoi.

[Continua qui.]

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: