Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘A.I.’ Category

Read Full Post »

Tra qualche giorno nasce una rivista autoprodotta, distribuita gratuitamente – leggi: “free press” – a colori, su carta riciclata. Ma la cosa nuova è: la rivista è per bambini. Ecco: è la prima free press al Mondo per bambini. In realtà qualche mese fa è uscita questa cosa, ma è un’altra cosa, fatta in grande stile, con tanti soldi ecc. Noi cominciamo con una tiratura di 500 copie, distribuendo nella Bat-provincia (Barletta Andria Trani), e cominciamo come autoproduzione vera. La rivista si chiama Yuri e questa qui è la copertina del numero zero:

numero zero

Read Full Post »

La seconda edizione di Luoghi Comuni Festival si terrà ad Altamura (BA) dal 4 all’11 maggio. Domenica 6 maggio ci sarà anche la Cooperativa di narrazione popolare, a parlare di scrittura liberata, copyleft e Creative Commons.

Read Full Post »

Rassegna di microeditoria autoprodotta: tre parole bellissime. Da domani, fino a domenica 25 marzo, a Bologna, in Vicolo Bolognetti. Ci va, per esempio, Lök. Il programma completo è qui.

Read Full Post »

Lo zelo e la guerra aperta è da poco online. Dal sito di cooperativa di narrazione popolare è possibile scaricare il libro in formato epub, pdf, zip [epub+pdf].

Lo zelo e la guerra aperta è la raccolta di tre racconti, di stampo realista, incentrati sulle vicende di Luca e Michela, due ragazzi alle prese con tutti i problemi dell’Italia di oggi: il precariato, il nepotismo, lo spaesamento, gli studi universitari divenuti una zavorra, la solitudine degli individui costretti a lottare per una sopravvivenza non solo materiale ma soprattutto esistenziale. È pubblicato online con licenza Creative Commons BY-NC-SA 3.0.

Cooperativa di narrazione popolare è un progetto di scrittura libera e lettura condivisa, ed è nata per soddisfare due diversi desideri degli autori: lavorare insieme alla creazione di storie, per arricchire la narrazione di punti di vista e sensibilità diverse, e condividere queste storie con il lettore direttamente, senza filtri, come patrimonio collettivo.

Read Full Post »

[pubblichiamo su mrt il primo racconto della raccolta Lo zelo e la guerra aperta, libro scritto a sei mani, dalla cooperativa di narrazione popolare. il secondo dei tre racconti sarà pubblicato su tracce nella rete, fra due giorni. il terzo e ultimo, venerdì, su yattaran]

 

Inadatto al volo

di Ilaria Giannini

Io vengo dall’errore, uno solo:
del tutto inadatto al volo.
(Manuel Agnelli, Dentro Marylin)

L’urlo soffocato che mi sveglia all’improvviso puzza di aspirina e detersivo per piatti. È notte fonda e sono riverso in un bagno di sudore, con gli occhi sbarrati sul soffitto, ma almeno sono riuscito a non emettere neanche un suono: Michela dorme ancora accanto a me, rannicchiata sul fianco preferito.

Mi passo le mani sul viso e spingo i pollici contro le palpebre ma non serve: la faccia di Nocera mi incombe ancora addosso, come un presagio di morte. Lui e i suoi occhialetti di plastica da giovane alternativo, glieli farei ingoiare a forza, insieme ai sogghigni nella pausa caffè e alle pacche sulle spalle dopo le riunioni, che riescono sempre a farmi sembrare un pischello anche se c’ho già ventinove anni, di cui gli ultimi cinque spesi alle dipendenze di ‘sto stronzo, che pure in sogno viene a perseguitarmi.

I fari delle macchine di passaggio si riflettono ritmici, contro le persiane della porta finestra: fasci di luce che mi illuminano i piedi e il viso, prima di liquefarsi nel nero della stanza. Mi metto a contarli, sperando di prendere di nuovo sonno, ma è una pia illusione.

Quinta notte in bianco e un altro giorno d’agonia di fronte: la mia angoscia porta la data di scadenza del 31 marzo. La fine del contratto a progetto, della spada di Damocle sopra la testa, delle mie giornate retribuite.

Per allora sarò libero, comunque vadano le cose, e potrò smetterla di esercitarmi in sonno per la maratona nel corridoio dell’ufficio del capo. Dovrei solo abituarmi all’ansia, in fondo ho già superato quattro rinnovi, posso definirmi un veterano del precariato, dovrei stare tranquillo e anzi, a dirla tutta, dovrei già essermi trovato un santo in paradiso che mi togliesse da ‘sta situazione. (altro…)

Read Full Post »

Quelli del Traghettaccio mangia-deiezioni hanno bandito un concorsone letterar/poetico. Il difficile, però, non è vincerlo, il concorso, ma partecipare. Ecco le modalità di cui sotto:

Read Full Post »

Older Posts »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: